Home Chi sono Disclaimer

Inversione di marcia di un motore monofase

Il motore monofase è fondamentalmente costituito da due avvolgimenti
(o meglio gruppi di avvolgimenti), di cui uno è collegato direttamente all’ alimentazione, l’ altro ha un condensatore in serie, che ne sfasa la corrente di circa 90. Lo sfasamento tra le due correnti permette di ottenere un campo magnetico rotante; in caso contrario si otterrebbe un campo magnetico semplicemente alternato, quindi il motore non funzionerebbe. Il collegamento di un motore monofase, in particolare per l’ inversione di marcia, è un po’ più complesso rispetto al sistema trifase. In alcuni motori monofase il collegamento che determina il senso di rotazione viene effettuato all’ interno, mentre la morsettiera esterna ha solo i due terminali da allacciare all’ alimentazione: in tal caso il motore ha un verso di rotazione predefinito, che non è possibile invertire (se non smontandolo). Negli altri casi i singoli fili a cui fanno capo i due avvolgimenti ed il condensatore sono accessibili dall’ esterno, quindi il collegamento avviene sulla morsettiera che di solito ha sei terminali. Se i due avvolgimenti sono uguali il circuito è relativamente semplice in quanto è sufficiente spostare il condensatore da un avvolgimento all’ altro: per fare questo basta un semplice deviatore a tre posizioni. Se gli avvolgimenti sono diversi tra loro il condensatore non deve essere spostato; di conseguenza, per cambiare il senso di marcia del motore, bisogna invertire il verso dell’ alimentazione di un solo avvolgimento. Le figure sotto mostrano due possibili soluzioni per il collegamento di un motore monofase (clicca sull' immagine per visualizzarla in versione pdf).

collegamento motore monofase